OVER 50

Leggiamo ogni giorno di quanto il nostro paese stia invecchiando, non solo a livello di popolazione globale ma anche di anzianità professionale nelle Aziende.

Attualmente, la presenza dei lavoratori over 50 nel panorama europeo lavorativo è del 64%, ed è destinata ad aumentare.

 

La nostra esperienza ci suggerisce che  assecondare il trend e lavorare sulla Diversity nel mondo aziendale, sta diventando un tema nevralgico.

L’integrazione  e l’inclusione fra figure Senior e Junior, sono driver fondamentali per garantire il benessere organizzativo e conseguentemente il raggiungimento dei risultati aziendali, andando a ridurre i gap valoriali e di competenze tecniche.

Per la popolazione Over 50 possiamo attivare percorsi di Reverse Mentoring, ovvero percorsi che favoriscono il trasferimento e lo scambio di know how in modo bidirezionale. Nel percorso entrambi, Senior e Junior, ricoprono alternativamente il ruolo di Mentor e Mentee.

I Senior sono generalmente persone che hanno un’età anagrafica maggiore di 50/55 anni. Hanno un forte senso della comunità e dei forti valori di riferimento, hanno competenze molto solide e una expertise molto elevata.

Gli Junior sono persone che hanno un’età anagrafica inferiore ai 30 anni. Utilizzano con facilità gli strumenti tecnologici e di comunicazione, hanno un approccio al mondo del lavoro molto flessibile, che consente loro di cogliere i vantaggi che derivano dalle opportunità che incontrano.

 

Il Reverse Mentoring attivato con queste figure, ottiene  diversi risultati:

 

  • Promuove lo sviluppo di competenze tecniche e know-how, vantaggioso per Senior, Junior ma anche per l’azienda.
  • Aumenta la motivazione professionale.
  • Genera un confronto, favorendo l’innescarsi di nuove logiche di problem solving.

I nostri casi lo dimostrano

Per saperne di più